Come pulire la bistecchiera

La bistecchiera è tra gli strumenti più utilizzati nelle nostre cucine, ce ne sono tantissime di diversi tipi e peculiarità in grado di rispondere alle esigenze di ognuno di noi. Tutti i modelli, al di là delle diverse caratteristiche, sono però accomunati dal tipo di cottura che offrono: permettono di fare una cottura più leggera, povera di grassi e degna concorrente del barbecue.

Così come il forno e altri tipi di pentole o elettrodomestici da cottura, anche le bistecchiere, dopo averle usate, si sporcano non poco e pulirli a volte può risultare difficoltoso.

In questa guida vi illustreremo i diversi tipi di bistecchiera e, soprattutto, i trucchi per renderla splendente dopo ogni utilizzo.

Distinguiamo innanzitutto i vari modelli di bistecchiera, abbiamo quella da fornello caratterizzata da una piastra che va posizionata sopra i fornelli della cucina, estremamente facile da utilizzare; poi ancora, la bistecchiera in ghisa, la più utilizzata grazie al suo materiale, la ghisa appunto, che è in grado di distribuire il calore in modo uniforme e omogeneo; la bistecchiera antiaderente in pietra, realizzata in alluminio e rivestita in seguito in teflon, risulta essere pratica e maneggevole nell’utilizzo; bistecchiera in acciaio inox, impeccabile nella distribuzione uniforme del calore; la bistecchiera in pietra ollare, la preferita da chi predilige una cucina sana su pietra; la bistecchiera in rame, tra i metalli più duraturi e funzionali impiegati per la cottura dei cibi; la bistecchiera in pietra lavica, dello stesso tipo di quella ollare, viene anch’essa privilegiata da chi preferisce una cucina sana, è composta da una base realizzata in pietra vulcanica in grado di garantire una cottura eccellente per ogni alimento; e poi ancora, la classica bistecchiera elettrica, comoda e pratica, può essere posizionata sia in casa che all’aperto e garantisce una cottura più che soddisfacente. Essendo la più simile ad un barbecue, la bistecchiera elettrica garantisce dei tempi di cottura di gran lunga inferiori rispetto alle bistecchiere tradizionali. Altro aspetto fondamentale che la posiziona nei prodotti top più ambiti dal consumatore è la facilità con cui viene pulita poiché, dopo l’utilizzo, le incrostazioni sono quasi inesistenti.

Ma tutti questi tipi di bistecchiere, come già detto, tendono a sporcarsi molto dopo l’utilizzo, vediamo di seguito i sistemi per pulirle nel modo più veloce e semplice.

L’utilizzo di prodotti giusti permette di salvaguardare la patina antiaderente che costituisce il fondo. Ci sono tanti prodotti utilizzabili, è preferibile evitare quelli chimici come alcuni tipi di sgrassatore e utilizzare la carta assorbente subito dopo l’uso onde evitare incrostazioni difficilmente rimovibili.

Come primo rimedio abbiamo il sale grosso, una soluzione davvero ottimale per la pulizia della bistecchiera. Sarà necessario cospargere di sale grosso la bistecchiera e strofinare con una spugna non abrasiva e umida; asciugarla poi con un panno pulito.

Una gran parte delle bistecchiere in commercio, presentano delle scanalature sul fondo utili a non fare attaccare il cibo. Per pulire questo tipo di utensile sarà necessario cospargerle con dell’aceto, lasciarlo agire e rimuovere poi il tutto con una spugna. Terminate queste operazioni, asciugarla con della carta assorbente.

Un altro sistema efficace è un mix composto da bicarbonato di sodio e succo di limone. Bisognerà lasciare la bistecchiera ammollo per mezz’ora circa e poi applicare a miscela con una spugnetta. Il limone agirà sul cattivo odore facendolo scomparire, il bicarbonato di sodio, invece, provvederà alla pulizia della piastra.